Single Blog Title

This is a single blog caption

La beffa arriva al 95′. A Olginate vince l’Inveruno

Fa male, molto male, la sconfitta di oggi con l’Inveruno. Perché la squadra di Alessio Delpiano ha giocato bene, ha lasciato sul campo almeno cinque nitide occasioni da gol e alla fine, al 95′ (quando l’arbitro ne aveva indicati tre di recupero), Ivan Appella, l’ex di turno, ha trovato il destro a giro che è valso i tre punti per gli ospiti. Quindi se da un lato c’è la consapevolezza di avere disputato un’ottima gara, dall’altro c’è il duro scontro con la realtà e gli zero punti raccolti in una domenica amara.

La partita è piacevole fin dalle prime battute con entrambe le squadre che cercando di giocare a calcio. La prima occasione è dell’Olginatese con Cattaneo che stacca bene al 2′ su calcio d’angolo, ma la sua incornata passa sopra la traversa. Sempre Cattaneo protagonista al 10′ quando un suo retropassaggio di testa per poco non sorprende Ripamonti che in tuffo blocca la sfera. Al 27′ si fa vedere l’Inveruno con una bella azione che porta Sarr al colpo di testa sul secondo palo, ma la sua conclusione esce di pochissimo. Alla mezz’ora è Di Fiore a farsi pericoloso sul lato corto dell’area di rigore senza però trovare il varco giusto per battere La Gorga. Al 37′ si accende una mischia in area di rigore ospite, la palla arriva a Bono che calcia forte in porta dal limite, ma la conclusione è smorzata e dopo un paio di rimpalli si spegne tra le braccia del portiere avversario. Al 40′ azione offensiva dell’Inveruno che con un lancio lungo sorprende la retroguardia bianconera, ma Sarr, contrastato da Menegazzo, calcia fuori a pochi passi dalla linea di fondo. In chiusura di tempo grosse recriminazioni bianconere per un evidente rigore negato a Cristofoli cinturato in area. L’arbitro avvicina il fischietto alla bocca (guardare le immagini sul nostro canale youtube per conferme), poi ci ripensa e lascia proseguire l’azione.

L’apertura di ripresa si apre con un liscio difensivo di Dionisi che lancia Zamble in area di rigore, ma tutto solo davanti a Ripamonti, calcia fuori. Al 3′ doppia clamorosa occasione per Cristofoli e Calandra, ma tra mille rimpalli, l’Inveruno si salva. Così come al 9′ quando Cristofoli di testa batte La Gorga, ma un difensore salva sulla linea. Al 25′ la difesa ospite sbaglia il fuorigioco, Calandra si infila, tenta il pallonetto, ma il tiro finisce tra le braccia del portiere. Alla mezz’ora si rivedono gli ospiti con un’iniziativa personale di Broggini, ma la conclusione è debole e Ripamonti blocca a terra. Un minuto dopo Cristofoli ruba palla, si invola da solo verso l’area avversaria, ma davanti a La Gorga gli calcia addosso. Ancora più clamorosa l’occasione sbagliata da Maugeri al 45′ con una punizione che si ferma in mezzo all’area di rigore degli ospiti e tutto solo l’attaccante subentrato a Calandra calcia alto dal limite dell’area piccola. L’arbitro assegna tre minuti di recupero, ma va avanti fino al minuto 49 e qualche secondo quando una corta respinta della difesa bianconera arriva sui piedi di Appella che lascia partire il colpo all’incrocio che chiude la gara. Palla al centro e triplice fischio.

Finisce 0-1 in favore degli ospiti. Peccato davvero.

 

OLGINATESE: 0

INVERUNO: 1

MARCATORE: 50′ st Appella (I).

OLGINATESE: Ripamonti, Fidanza, Menegazzo, Dionisi (dal 17′ st Colombo), Cattaneo, Viganò, Di Fiore, Bono, Cristofoli, Lombardi (dal 38′ st Valente), Calandra (dal 30′ st Maugeri). All. Delpiano.

INVERUNO: La Gorga, Marioli, Spadaccino (dall’8′ st Gandolfo), Grassi, Giacomoni, Appella, Zamble (dal 23′ st Greco), Lazzardo, Sarr (dall’8′ st Limitone), Broggini, De Masi. All. Gatti.

ARBITRO: Sartori di Este.

AMMONITI: Sarr, Broggini (I).