Single Blog Title

This is a single blog caption

1-1 a Borgomanero. Secondi!

Oggi si è fatta la storia. L’Olginatese centra per la prima volta il secondo posto in Serie D arrivando a parimerito, ma con una miglior differenza reti, del Piacenza. Dietro tutti gli altri. Pro Piacenza esclusa. La classifica non mente: questa è una squadra fantastica. Bravi tutti, indipendentemente da come andranno i play off. Perché quello che è riuscito a fare questo gruppo, rasenta il miracolo sportivo se si considerano gli addii eccellenti della scorsa annata, l’età media della squadra (seconda tra le non retrocesse), le tante facce nuove, gli esordienti in categoria, i ’97 che hanno giocato titolari, il blasone delle avversarie e i budget che gli altri hanno speso (per arrivare dietro…). Le certezze? Poche, ma fondamentali. La società, l’allenatore Alessio Delpiano (con tutto il suo staff), il capitano Stefano Bono (il prototipo del professionista) e il bomber Fabio Cristofoli (con tutti i suoi vizi e virtù). Quattro pilastri su cui è stato costruito l’impossibile. E così, nove mesi dopo l’inizio del ritiro precampionato con tutte le sue incertezze, la squadra che doveva salvarsi, si scopre splendida protagonista di una stagione irripetibile.

La matematica certezza del secondo posto è arrivata a Borgomanero con il pareggio per 1-1 mentre il Piacenza si faceva suonare 2-0 dalla Castellana.

Il primo tempo è pessimo. Più che altro i ritmi di gioco lo sono. Tanto che a taccuino c’è soltanto un’azione da segnalare al 26′ con un colpo di testa di Cristofoli parato da Mandelli su cross di Riva (esordiente dal primo minuto insieme a Milano tra i pali). A questa si può aggiungere un tiracccio di Di Martino sul finale della frazione alto sopra la traversa. Poi basta.

La ripresa è tutta un’altra cosa con Delpiano che mette le cose in chiaro. Fuori Riva e dentro Barzotti: l’Olginatese riparte nel secondo tempo con quattro punte di ruolo in campo perché vuole vincere. Niente sconti anche se il Borgomanero deve vincere per centrare una miglior posizione nei play-out. E al 2′ i bianconeri sfiorano il gol: apertura di Cristofoli per Cvetkovic che si presenta solo davanti al portiere, ma la sua conclusione si spegne sul palo. Al 9′ ancora Cvetkovic protagonista con un colpo di testa su cross di Fidanza, ma la conclusione è alta. Al 18′ il gol.  Punzione di Lombardi,  palla a Di Fiore che la ributta dentro, la difesa respinge, ma sui piedi di Cristofoli che al volo calcia in rete: 0-1. Cristofoli si galvanizza e al 22′ prova a far tutto da solo calciando da lontano, ma Mandelli si distende e blocca la conclusione. Al 26′ il Borgomanero calcia una punizione 5 metri fuori dall’area di rigore, Di Fiore salta in barriera e tocca con un gomito vicino al corpo, ma abbastanza lontano per convincere il direttore di gara a fischiare il calcio di rigore. Sulla sfera va Piraccini che calcia alla destra di Milano, il portiere intuisce, devia con la punta delle dita sul palo, la palla rimbalza, torna in campo, gli colpisce la schiena e rimbalza in rete. Autogol: 1-1. I bianconeri non ci stanno e si gettano in avanti. Al 30′ doppio intervento provvidenziale di Mandelli prima su una girata di Cvetkovic respinta coi pugni e poi con un tiro all’incrocio di Di Fiore deviato in angolo. Mandelli anche super al 43′ su una palla gettata in area di rigore e toccata in serie da Cvetkovic, Barzotti e Cristofoli, sulla quale il portiere di casa ci arriva con la mano aperta e devia nuovamente in angolo. Un minuto dopo nemmeno il portierone di casa ci può arrivare su una conclusione ravvicinata di Cristofoli, ma la palla viene respinta sulla linea da un difensore, sulla ribattuta arriva Lombardi che calcia in porta, ma ancora una volta un giocatore di casa si immola con il corpo per evitare la rete e mette in angolo.

Finisce 1-1. Qualche istante per conoscere il risultato di Piacenza e quando arriva l’ufficialità della sconfitta piacentina, può iniziare la festa: secondi!

BORGOMANERO: 1

OLGINATESE: 1

MARCATORI: 18′ st Cristofoli (O), 27′ st Milano (O) aut.

BORGOMANERO: Mandelli, Francoli (dal 45′ st Rota), Gambuto, Gerbaudo, Viscomi, Serrano, Di Marino (dal 23′ st Bonacina), Piccinotti, Tonani, Piraccini, Maugeri (dall’8′ st Soit). All. Melosi.

OLGINATESE: Milano, Fidanza, Riva (dal 1′ st Barzotti), Menegazzo, Cattaneo, Viganò, Di Fiore, Bono, Cristofoli, Lombardi, Cvetkovic. All Delpiano.

ARBITRO: Marini di Trieste.

AMMONITI: Viganò, Barzotti (O).