OLGINATESE-Sant'Angelo 5-2

Olginatese-Sant’Angelo è una lezione di calcio!

OLGINATE – Guardare giocare questa squadra è un piacere. Se poi le cose vanno pure per il verso giusto, allora è uno spettacolo. Perché quella che si è vista oggi in casa, è stata una vera e propria lezione di calcio di questa banda di ragazzini terribili in presenza della super corazzata Sant’Angelo. E se si escludono i due rigori regalati dalla difesa bianconera, il risultato sarebbe stato ben più clamoroso del 5-2 finale!

I primi dieci minuti sono equilibrati con le due squadre che cercano di farsi male immediatamente. I lodigiani sulle palle inattive, l’Olginatese sfruttando la qualità del gioco. Poi inizia un vero e proprio assedio bianconero e se la porta degli ospiti non cade prima del 39′ è solo merito del portiere rossonero. La rete che sblocca la gara è frutto di un’azione che mette Del Re nelle condizioni di servire l’accorrente Costa che con un tiro da biliardo trova l’angolino basso dal limite dell’area: 1-0. Allo scoccare del recupero, ecco la doccia fredda. Contatto (forse sì, forse no) di Cavalcante su Corona e l’arbitro fischia il penalty. Dal dischetto Piras non sbaglia: 1-1.

La ripresa inizia con un vero e proprio show bianconero. L’Olginatese è straripante, sfiora la rete fin dai primissimi secondi. Quindi va in vantaggio ancora con un’azione da mal di testa per la retroguardia ospite, la palla arriva a Lacchini che calcia in porta, una deviazione spiazza Frigione e rete gonfiata: 2-1. Non è finita, angolo, palla messa dentro l’area di rigore, tocco di Mosca e portiere battuto: 3-1. L’ingresso di Gomez ravviva gli ospiti che proprio con questo giocatore trovano il secondo rigore di giornata dopo un contrasto all’interno dell’area. A calciare stavolta è Corona e anche lui centra il bersaglio: 3-2. Il risultato galvanizza gli ospiti che sempre sulle palle alte per la testa di Cazzamalli creano situazioni di superiorità in attacco. Ma Boldini si gioca la carta Alfano che in un quarto d’ora fa due gol fotocopia partendo in velocità e bruciando tutt i difensori avversari: 4-2 e 5-2.

Finisce in apoteosi per i ragazzi terribili di mister Boldini che stravincono la sfida con una delle formazioni costruite per vincere il campionato.