Single Blog Title

This is a single blog caption

99, si chiude una stagione fantastica

Carissimi ragazzi del 99, anche le più belle esperienze hanno un termine, l’importante è arrivare alla fine della corsa sicuri di avere fatto il meglio, di avere dato tutto e di non dover recriminare sulle scelte effettuate. È in questa pace interiore che gli atleti si ricostruiscono e progettano con serenità il loro splendido futuro.

C’eravamo lasciati galvanizzati dalla prestazione e dal risultato ottenuto con la società Aldini di Milano e ci ritroviamo sconfitti e un po’ spaesati dal doppio confronto con l’Accademia Inter. Seppur delusi e amareggiati dalla doppia sfida persa, pervadono nella squadra sentimenti positivi: siamo un ottimo gruppo che può ancora crescere soprattutto sul piano della qualità del gioco e della forza mentale.

In questo anno in cui vi ho seguito, incitato appassionatamente e ho scritto le recensioni delle vostre splendide partite, mi sento da voi cambiato e per questo utilizzo questo ultimo appuntamento per ringraziarvi tutti. Grazie perché in ogni momento, in campo, sugli spalti, nei momenti di condivisione, ci avete fatto riscoprire il valore educativo dello sport e il grande senso di aggregazione che il calcio come sport di squadra regala sia a noi genitori e appassionati ma soprattutto a voi splendidi attori protagonisti.

Alcune idee e alcune osservazioni condivise mi hanno particolarmente colpito e siccome ci accostano per un certo verso alla storia che ci ha unito quest’anno mi piace condividerle con tutti voi.

Abbiamo scoperto il senso del GIOCARE, dell’ACCOGLIENZA, del SACRIFICIO, della CONDIVISIONE, del RIEMPIRE, del TESTIMONIARE e del LIBERARE.

GIOCARE, siete sempre stati protagonisti del vostro gioco, siete arrivati quotidianamente al campo per allenarvi e per giocare con la semplicità e la voglia di divertirvi, per imparare e, imparando, per insegnare ai vostri compagni più in difficoltà.

ACCOGLIENZA, siete sempre stati presenza che accoglie e avete fatto respirare a tutti i componenti il senso di appartenenza alla squadra e di condivisione.

SACRIFICIO, avete imparato ad attendere, ad assumere consapevolezza di poter raccogliere domani quello che avete seminato oggi con tanta fatica. Avete scoperto che passione, serietà, fatica e impegno hanno un ruolo molto importante nel raggiungimento degli obiettivi e sono sicuramente più decisivi di fortuna, improvvisazione e caso.

CONDIVISIONE, il calcio è un bellissimo sport di squadra e non si gioca da soli, come più volte ribadito quest’anno il talento e la propria capacità vanno condivise e messe al servizio dei compagni, così da ricevere in cambio un grande beneficio.

RIEMPIRE, avete imparato ad avere in campo atteggiamenti giusti, atteggiamenti propositivi che hanno riempito di valori la vostra vita.

TESTIMONIARE, vi siete contagiati di belle prestazioni, di vittorie godute e assaporate e siete stati capaci vicendevolmente di testimoniare che aiutandovi avete saputo accettare le debolezze dei compagni ma soprattutto avete condiviso i pregi e i talenti di tutti.

LIBERARE, mettendo insieme le caratteristiche appena evidenziate siete riusciti a liberare la vostra forza, le vostre capacità, il vostro talento e siete riusciti a volare in alto e raccogliere le soddisfazioni che ben conservate ora nel vostro cuore e nella vostra mente.

Carissimi ragazzi del 99, ricordatevi di questi valori, cerchiamo di capire quali di questi sono più vostri e quali vi appartengono meno e cercate con il massimo impegno di migliorarvi per il bene che volete alla squadra, agli amici e soprattutto a voi stessi. Ricordiamoci che fra qualche anno non sarà il ricordo del pallone, del campo, degli spogliatoi a renderci felici e a farci venire qualche brivido di nostalgia, ma saranno bensì i volti delle persone condivise, i vostri volti e quello degli educatori che hanno condiviso questo splendido viaggio.

Grazie di tutto, ragazzi fantastici, per un anno da incorniciare.

Carlo Bovis