Single Blog Title

This is a single blog caption

2002: con l’Alessandria (Lega Pro) colpaccio sfiorato…

ESORDIENTI 2002 vs Alessandria  1-1 (1-0; 0-0; 0-1)

Spalti gremiti in ogni settore fanno da cornice alla sfida tra gli Esordienti 2002 dell’Olginatese e i pari età dell’Alessandria (squadra professionistica che milita in Lega Pro Seconda Divisione) in una sfida giocata su un terreno in perfette condizioni ma in un clima invernale.

Fin dal fischio d’inizio le due compagini si affrontano a viso aperto e sono i padroni di casa ad assumere l’iniziativa con un AIROLDI combattivo sulla fascia sinistra e un SANVITO incontenibile su quella destra. Ed è appunto sull’ennesima iniziativa del numero 7 locale che, dopo un’azione corale, appena entrato in area fa partire un tiro che dopo aver colpito la traversa rientra in campo e trova un lesto AIROLDI pronto a ribattere in rete.

Secondo tempo in cui la partita si fa molto combattuta e, dopo un iniziale predominio alessandrino, i bianconeri riacquistano il pallino del gioco con un ispirato COLOMBO ANDREA e contengono i tentativi di rimonta dei grigi piemontesi.

Terzo tempo che inizia con l’Alessandria decisa a recuperare lo svantaggio e gli olginatesi che, in calo fisico, faticano a contenere le iniziative avversarie; ma nonostante ciò, dopo i primi 5 minuti, riescono ad uscire dalla pressione avversaria e rendersi pungenti con rapide ripartenze. Al 10° minuto inizia il valzer delle sostituzioni da parte della panchina bianconera e nel momento in cui i nuovi entrati stanno prendendo la giusta posizione in campo, l’Alessandria colpisce con un potentissimo tiro scagliato dall’esterno di destra che si insaccava alle spalle dell’incolpevole LONGHI. A questo punti i padroni di casa stringono i denti e, risistemando l’assetto tattico, riescono a concludere l’incontro in fase offensiva. Da segnalare che nel terzo tempo il vento aumenta d’intensità rendendo difficoltoso il gioco ma soprattutto aumentando lo sforzo imposto ai giocatori.

Nel complesso una prestazione da ritenere positiva dove, ancora una volta, i ragazzi hanno risposto alle indicazioni dello staff tecnico che chiedeva di applicare ciò che in allenamento viene provato.

Bruno Marini